sabato 29 agosto 2009

Anche i Mostri vivono con il Marketing


Non voglio offendere nessuno, infatti io mi riferisco al Mostro di Lochness :). Probabilmente avete sentito anche voi che pochi giorni fa è stato avvistato e da cosa se non da Google Maps?? Le coordinate sono le seguenti 57.214517N,4.57065W.


L’avvistamento è stato fatto da un ragazzo (Jason Cooke) di 25 anni di Nottingham mentre scorreva le immagini di google Maps. Il giovane ha spalancato gli occhi alla vista delle immagini di Nessie! Adrian Shine, ricercatore del progetto LochNess, ha affermato che era da 12 mesi che non venivano fatti avvistamenti credibili.

Io sono stato sul lago di Lochness e devo ammetterlo ho consumato un rullino da 24 (nel 97 le digitali non c’erano) per cercare di catturare immagini di Nessie, non dico nitide, ma almeno che potessero dare modo alla fantasia di viaggiare. In conclusione ho consumato un rullino per fotografare porzioni di lago senza raggiungere il mio scopo.

Che il mostro esista o meno di sicuro questo di Nessie è una delle più grandi operazioni di marketing non convenzionale, iniziata molti anni fa. I presupposti ci sono tutti, la creatività, l’aspetto emozionale il mistero, tutte cose che alimentano in chi le sente la curiosità e la voglia di trasmettere questa notzia.

Molti dicono che non esiste, altri che esiste e ne hanno le prove, io penso che sia una grande idea per vendere migliaia di gadget (una statuetta di Nessie costava 23 sterline) ed affrontare la crisi a colpi di marketing.
Che se ne parli bene o che se ne parli male l’importante è che se ne parli.


Se hai trovato utile questo Post Condividilo :)! 











Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...